VISITACI SU EBAY CLICCA QUI!

giovedì 2 marzo 2017

AUTOBIOGRAFIA LA MIA STORIA Madre Luisa Margherita Claret de la Touche

AUTOBIOGRAFIA LA MIA STORIA Madre Luisa Margherita Claret de la Touche



 Biografie e Diari
Autobiografia - la mia storia
 Copertina di Autobiografia - la mia storia
Categoria: Biografie e Diari
Autore: Madre Luisa Margherita Claret de la Touche
Lingua: Italiano
Autobiografia di Madre Luisa Margherita scritta su ordine del suo direttore spirituale padre A. Charrier SJ.
LIBRO IN BROSSURA EDITORIALE ILLUSTRATA ED. 1998
PAGINE 307 FORMATO 15 X 21


Venerabile Luisa Margherita Claret de la Touche Religiosa visitandina, fondatrice

Saint-Germain-en-Laye, Francia, 15 marzo 1868 – Vische Canavese, Torino, 14 maggio 1915

Marguerite-Céline Claret de la Touche, nata in una famiglia borghese, cercò di comportarsi come le ragazze della sua età e della sua epoca, ma avvertiva un senso di vuoto interiore. Dopo aver attentamente valutato i segni di una probabile vocazione alla vita claustrale, entrò nel convento della Visitazione a Romans il 20 novembre 1890, assumendo il nome religioso di suor Luisa Margherita. Il 6 giugno 1902 ebbe le prime manifestazioni dei messaggi che il Signore le affidava, specificamente dedicati ai sacerdoti, affinché essi comunicassero alle anime che Dio è Amore Infinito. Costretta all’esilio insieme alle altre monache, approdò in Italia: il 19 marzo 1914 diede inizio a una nuova comunità visitandina a Vische Canavese, in provincia di Torino e diocesi di Ivrea. Fece confluire le ispirazioni ricevute dall’alto in alcuni testi, il più famoso dei quali è «Il Sacro Cuore e il Sacerdozio». Morì a Vische il 14 maggio 1915, stremata dalla nefrite e da complicazioni cardiache. I suoi insegnamenti hanno portato alla formazione dell’Opera dell’Amore Infinito, composta dalle Suore di Betania del Sacro Cuore, dall’Alleanza Sacerdotale, dagli Amici e Amiche di Betania del Sacro Cuore e dall’Istituto Secolare delle Missionarie dell’Amore Infinito. È stata dichiarata Venerabile il 26 giugno 2006. I suoi resti mortali riposano nel Santuario del Sacro Cuore a Vische Canavese.